La star degli anni '40 Susan Peters è svanita nell'oscurità dopo una tragica fine: libro

La star degli anni '40 Susan Peters è svanita nell'oscurità dopo una tragica fine: libro

ESCLUSIVO: Susan Peters era sulla buona strada per diventare una protagonista ricercata a Hollywood quando uno strano incidente il primo dell'anno 1945 ha cambiato per sempre il suo destino.

Nonostante lo Spokane, Lavare., la determinazione del nativo di dominare il grande schermo, il Nominato all'Oscar l'attrice non poteva sfuggire alle sfide che hanno influenzato la sua carriera. Peters è morto nel 1952 all'età 31 ei suoi film sono stati apparentemente dimenticati con il tempo — almeno fino ad ora.

Carla Valderrama e Turner Classic Movies (TCM) ha recentemente pubblicato un libro intitolato, “Questa era Hollywood,” che punta i riflettori su ex star che sono svanite nell'oscurità. L'autore ha attinto a nuove interviste, documenti rari, così come conversazioni con alcune delle ultime fonti viventi che conoscevano gli ex idoli del cinema.

Susan Peters è presente in 'This Was Hollywood,'un nuovo libro pubblicato dall'autrice Carla Valderrama e Turner Classic Movies (TCM).

Susan Peters è presente in "This Was Hollywood,’ un nuovo libro pubblicato dall'autrice Carla Valderrama e Turner Classic Movies (TCM). (Foto di Peter Stackpole / The LIFE Picture Collection tramite Getty Images)

“Susan sembrava la ragazza della porta accanto più bella di sempre,” Ha detto Valderrama a Fox News. “Quando vedi i suoi film oggi, sei semplicemente sbalordito dalla sua performance. Sembra così moderna e naturale. Non puoi fare a meno di tenerla d'occhio. La sua performance ti cattura e senti immediatamente questa qualità da star. Era evidente fin dall'inizio.”

HOLLYWOOD TOUGH GUY HANK GARRETT RICORDA IN MEMORIA DI aver spezzato il naso di Robert Redford durante la scena del combattimento brutale

Secondo Valderrama, Peters è stata mandata a Los Angeles quando lo era lei 5 anni per vivere con sua nonna dopo che suo padre è morto in un incidente d'auto. Peters in seguito fece amicizia con un ragazzo paralizzato dalla poliomielite. L'amicizia le ha dato grandi sogni di studiare medicina.

“È ossessionante leggere quelle interviste che Susan ha fatto prima del suo incidente perché parla di questo ragazzo che non poteva camminare,” Ha spiegato Valderrama. “Avrebbe sempre chiesto, 'Perché non può camminare di nuovo?'”

Susan Peters inizialmente voleva studiare medicina dopo aver stretto amicizia con un ragazzo paralizzato.

Susan Peters inizialmente voleva studiare medicina dopo aver stretto amicizia con un ragazzo paralizzato. (Collezione Everett)

“Quindi il suo obiettivo era studiare medicina, ma invece, viene presentata a un talent scout. Voleva davvero frequentare la facoltà di medicina e credeva che facendo film a tempo pieno avrebbe potuto risparmiare rapidamente. Si è anche data una scadenza. Se non ce l'avesse fatta come attrice dopo tre anni, lei avrebbe smesso,” l'autore ha continuato.

Secondo Valderrama, Peters stava seriamente considerando di tornare al suo obiettivo di studiare medicina quando fu scelta nel 1942 “Tish” accanto a Richard Quine. Quello stesso anno, ha recitato in “Raccolta casuale,” per il quale ha ricevuto una nomination all'Oscar come miglior attrice non protagonista. All'età 21, Peters era uno dei più giovani candidati nella storia all'epoca, The Hollywood Reporter rivelato.

AUDREY HEPBURN'S 'SAD’ L'INFANZIA RIVELATA IN DOC: "È STATO UNO DEI TRAUMI CHE MI HA LASCIATO UN SEGNO MOLTO PROFONDO"

La vita di Peters — sia personalmente che professionalmente — stava sbocciando. La MGM l'ha firmata con un contratto a lungo termine. Quine, che era già sposato con l'attrice Susan Paley, si innamorò della sua co-protagonista e in 1943, la coppia si è sposata. Peters è stato anche scelto per recitare nel 1944 “Canzone della Russia,” un ruolo che era stato originariamente considerato Hedy Lamarr e Greta Garbo.

Susan Peters e suo marito Richard Quine sono andati a caccia di anatre il giorno di Capodanno 1945 quando ha subito uno strano incidente.

Susan Peters e suo marito Richard Quine sono andati a caccia di anatre il giorno di Capodanno 1945 quando ha subito uno strano incidente. (Foto di Bob Landry / The LIFE Images Collection tramite Getty Images / Getty Images)

Ma tutto si è fermato a gennaio. 1, 1945. Valderrama ha ammesso che l'incidente la lascia ancora perplessa oggi.

“Nessuno sa cosa sia successo veramente, tranne Susan e Richard,” lei spiegò. “Non era impossibile, ma sicuramente ti lascia a chiederti come possa accadere una cosa del genere.”

Secondo i rapporti, Peters e Quine sono andati a caccia di anatre quando un fucile si è scaricato accidentalmente. Un proiettile conficcato nel midollo spinale di Peters, paralizzandola dalla vita in giù.

MADRE DOLORES HART SPIEGA PERCHÉ HA LASCIATO HOLLYWOOD PER DIVENTARE SUORA: "DIO MI HA CHIAMATO"

“Susan era un'avida cacciatrice e conosceva bene le armi,” ha detto Valderrama. “La sua versione dell'evento era che hanno lasciato la pistola sotto un cespuglio. È andata sotto il cespuglio per prenderlo. La pistola era puntata verso di lei e il grilletto si era impigliato in un ramoscello, mandandole un colpo nello stomaco. Frammenti di proiettile sono penetrati nella sua spina dorsale. Sembra tutto così strano. Ma Susan aveva sempre detto che era l'unica responsabile per questo.”

Susan Peters scrive su un carrello dell'ospedale a casa sua. L'attrice si è tenuta occupata poiché i medici avevano inizialmente insistito che avrebbe camminato di nuovo.

Susan Peters scrive su un carrello dell'ospedale a casa sua. L'attrice si è tenuta occupata poiché i medici avevano inizialmente insistito che avrebbe camminato di nuovo. (Foto di Bob Landry / The LIFE Images Collection tramite Getty Images / Getty Images)

Secondo il libro di Valderrama, I medici dell'epoca credevano che l'incidente fosse temporaneo e Peters avrebbe camminato di nuovo.

“Lei [infine] arrivò a un certo punto in cui si rese conto che non avrebbe più camminato,” ha detto Valderrama. “E le andava bene perché non voleva lasciarlo [questo incidente] fermala. Infatti, La MGM è stata estremamente di supporto perché aveva una tale qualità da star. Aveva anche grandi sostenitori. Lucille Ball ha sentito del suo incidente ed è venuta a trovare Susan all'ospedale. Sono diventati buoni amici. Ed è stata anche Lucille a incoraggiarla a lavorare.”

“Per quanto riguarda MGM, continuavano a inviarle i copioni sperando che avrebbe funzionato,” Valderrama ha continuato. “Era lei che continuava a rifiutare le sceneggiature perché stava cercando qualcosa che non si limitasse a sfruttare la sua ferita. Hanno pensato che sarebbe stato un buon modo per tirare le corde del cuore del pubblico e farli piangere.

IL NIPOTE DI INGRID BERGMAN RICORDA DI CRESCERE CON LA STELLA DI "CASABLANCA", COME HA RESTO UN ROMANTICO SCANDALO

Susan Peters si è adattata alla sua nuova vita e ha persino cacciato di nuovo.

Susan Peters si è adattata alla sua nuova vita e ha persino cacciato di nuovo. (Foto di Reznikoff Artistic Partnership / Corbis tramite Getty Images)

“Ma quando voleva interpretare altri ruoli, erano solo mortificati. Era rischioso per Susan perché i conti dell'ospedale stavano aumentando e MGM era davvero la sua unica fonte di reddito. Ma voleva davvero avere il controllo della sua carriera. Non era solo una ragazza su una sedia a rotelle.”

Nel libro di Valderrama, i lettori impareranno che la star si stava adattando alla sua nuova vita, Peters lo era “guidando la sua macchina appositamente attrezzata, passeggiate a cavallo, nuoto, prendendo lezioni di volo, e anche di nuovo a caccia.” Lei e Quine hanno anche adottato un figlio di nome Timothy nel 1946.

Susan Peters (L) esibirsi in una scena del film 'Sign of the Ram'

Susan Peters (L) esibirsi in una scena del film "Sign of the Ram’ (Foto di Bob Landry / The LIFE Images Collection tramite Getty Images / Getty Images)

Peters ha anche appreso del romanzo bestseller di Margaret Ferguson, “Il segno dell'ariete,” quale, secondo il libro di Valderrama, “è la storia di una donna costretta su una sedia a rotelle che usa la sua disabilità per manipolare e distruggere le vite di coloro che la circondano.”

Peters credeva che fosse il ruolo di ritorno che stava cercando. tuttavia, la pellicola, che ha debuttato in 1948, floppato. Quello stesso anno, lei e Quine si separarono.

TINA LOUISE, LA STAR DI "GILLIGAN’S ISLAND", RENDE OMAGGIO A DAWN WELLS

L'attrice Susan Peters ha raffigurato la lettura dei suoi appunti davanti a una telecamera della WPTZ, mentre si siede su una sedia a rotelle, per il suo spettacolo "Miss Susan", circa 1951.

L'attrice Susan Peters ha raffigurato la lettura dei suoi appunti davanti a una telecamera della WPTZ, mentre si siede su una sedia a rotelle, per il suo spettacolo "Miss Susan", circa 1951. (Foto di Keystone Features / Hulton Archive / Getty Images)

Poi in 1951, ha lanciato uno show televisivo intitolato “Signorina Susan,” che è stato stroncato dalla critica. Fu cancellato quello stesso anno.

“È stato un rapido declino per qualcuno che era così fiducioso,” ha detto Valderrama. “I suoi ultimi anni furono molto solitari e tristi. E una lesione spinale può creare molti altri problemi, con cui ha dovuto affrontare anche lei. Il suo medico ha detto che alla fine, ha davvero perso la voglia di vivere. Ha smesso di mangiare e bere. Penso alla fine della sua vita, nonostante tutti i suoi sforzi, nonostante la difesa delle persone con disabilità, Susan credeva davvero di essere un fallimento.”

Quine, che in seguito si è risposato e ha continuato a recitare, è morto a 1989 da una ferita da arma da fuoco autoinflitta all'età 68.

L'autrice Carla Valderrama spera che il suo libro "This Was Hollywood" riproponga Susan Peters al pubblico. L'attrice è morta nel 1952 all'età 31.

L'autrice Carla Valderrama spera che il suo libro "This Was Hollywood’ reintrodurrà Susan Peters al pubblico. L'attrice è morta nel 1952 all'età 31. (Foto di Genevieve Naylor / Corbis tramite Getty Images)

Valderrama spera che il suo libro riproponga Peters al pubblico.

RICHARD THOMAS, STELLA DI "WALTONS" RIFLETTE SUL LAVORO CON DAD RALPH WAITE IN TARDA TV: 'ABBIAMO VERAMENTE LEGATO'

“Era un pioniere,” ha detto Valderrama. “Avrebbe potuto facilmente prendere qualsiasi sceneggiatura che le stessero lanciando, ma non voleva essere riconosciuta solo per il suo infortunio. Credeva che le persone con disabilità meritassero rispetto e dignità.”

Susan Peters e Richard Quine hanno condiviso un figlio di nome Timothy.

Susan Peters e Richard Quine hanno condiviso un figlio di nome Timothy. (Foto di Bob Landry / The LIFE Images Collection tramite Getty Images / Getty Images)

“Voleva fare bei film perché era un'attrice, non perché fosse disabile,” ha condiviso. “C'era un elemento di tristezza nella sua vita, ma era disposta a reinventarsi. Per me, era una giovane stella brillante che non aveva abbastanza possibilità di brillare.”

I commenti sono chiusi.