6 takeaway dal CPAC dominato da Trump

L'ex presidente Donald Trump ha trasformato la Conservative Political Action Conference in la sua prima manifestazione post-presidenziale domenica sera, impegnandosi in un discorso pieno di falsità per eliminare i suoi nemici dal Partito Repubblicano e accennando ripetutamente a un'altra corsa per la Casa Bianca in 2024.

Ma prima che Trump chiudesse il raduno conservatore annuale, tenutasi a Orlando, Florida, quest'anno, un quadro di ambiziosi repubblicani che guardano 2024 le loro corse presidenziali hanno cercato di dare una svolta al messaggio populista di Trump, facendo eco alle sue lamentele contro la grande tecnologia, media e liberale “cancella cultura” nel tentativo di attingere al “Rendi di nuovo grande l'America” base Trump costruita.
Missouri Sen. Josh Hawley ha chiesto lo scioglimento delle principali società tecnologiche. South Dakota Gov. Kristi Noem si è appoggiata a una battaglia culturale sulle statue dei padri fondatori. Florida Sen. Rick Scott ha promesso di non intervenire contro i candidati pro-Trump alle primarie dal suo trespolo come presidente del braccio elettorale del GOP del Senato. E Texas Sen. Ted Cruz ha detto che il GOP è “non solo la festa dei country club,” un riflesso di Trump che ha trasformato la base del partito in una maggioranza bianca, coalizione rurale e operaia anche se l'ex presidente vive in un club privato di sua proprietà.
Ecco sei suggerimenti da CPAC 2021:

    Trump prende di mira i rivali all'interno del partito, annuisce 2024 correre

    Trump ha dedicato ampie parti del suo discorso, che è durato più di 90 minuti, a false affermazioni su frodi elettorali.
    Ha anche detto più volte che potrebbe candidarsi di nuovo alla presidenza in 2024. E ha suggerito che il suo obiettivo politico a breve termine sarà quello di esigere una retribuzione contro il 17 Repubblicani al Congresso che hanno votato per metterlo sotto accusa alla Camera o per condannarlo al Senato dopo il gennaio 6 insurrezione al Campidoglio degli Stati Uniti.
    Trump ha nominato ciascuno di quei repubblicani, risparmio per l'ultimo Wyoming Rep. Liz Cheney, chi ha chiamato a “guerrafondaio.” Ha detto che dovrebbero essere espulsi tutti 2022 primarie.
    “Sbarazzati di tutti loro,” ha incaricato il pubblico conservatore.
    Trump ha concluso il suo discorso prevedendo che nei prossimi anni, “un presidente repubblicano farà un trionfante ritorno alla Casa Bianca.”
    “E mi chiedo chi sarà,” Egli ha detto, in un tipico cenno del capo verso una terza campagna in 2024. “Mi chiedo chi sarà. Oms? Oms? Chi sarà quello? Mi chiedo.”

    Trump vince il sondaggio sulla paglia, Secondo DeSantis

    I risultati del famoso sondaggio CPAC sulla paglia per il 2024 La nomina del GOP è stata annunciata domenica pomeriggio. Non sorprende, un 55% la maggior parte dei partecipanti è favorevole a Trump in 2024 — la sua prima vittoria in assoluto nel sondaggio non scientifico. Florida Gov. Ron DeSantis è arrivato secondo con 21% e South Dakota Gov. Kristi Noem in un lontano terzo a 4%.
    Non erano tutte buone notizie per Trump, anche se: Mentre 97% ha detto di aver approvato il lavoro che ha svolto come presidente, circa un terzo di un'auto-selezione, La folla conservatrice amica di Trump non era ansiosa di sostenere un Trump 2024 offerta presidenziale. Appena 68% hanno detto che volevano che si candidasse di nuovo alla presidenza 2024. Un altro 15% hanno detto che non vogliono che Trump scappi, e 17% hanno detto che non erano sicuri.
    Un'indagine informale e non scientifica, il sondaggio CPAC può essere un campanello d'allarme per la festa — o, più spesso, uno spettacolo di forza organizzativa. Mentre 2012 Il candidato GOP Mitt Romney ha vinto quattro sondaggi paglia CPAC tra 2007 e 2012, Trump non ha vinto nessuno dei quattro sondaggi pre-2016 prima della sua nomina.
    In un secondo sondaggio domanda che escludeva Trump, DeSantis ha girato il campo davanti al suo pubblico di stato a Orlando con 43% supporto. Noem è arrivato secondo con 11%, seguito da Donald Trump Jr. a 8%, l'allora segretario di stato Mike Pompeo e il senatore del Texas. Ted Cruz con 7% ogni.
    Nessun altro ha superato 3% in entrambi i sondaggi. Sia nel sondaggio che includeva Trump sia in quello che lo escludeva, l'ex vicepresidente Mike Pence ha finito alle 1%.

    Altre bugie sui risultati delle elezioni

    Nel mondo reale, il 2020 l'elezione è stata condotta in modo equo — sebbene i risultati siano stati contati lentamente in alcuni stati adattandosi a un afflusso di voti per corrispondenza in mezzo alla pandemia — e il presidente Joe Biden ha vinto facilmente. Ma a Orlando, sul palco principale del CPAC, in tavole rotonde e tra la folla, Le fantasie promosse da Trump sul risultato truccato sono state trattate come verità ben prima che lo stesso ex presidente ripetesse a pappagallo le bugie durante il suo discorso di domenica sera..
    “Ci sono state diffuse frodi degli elettori in troppi stati, soprattutto nelle grandi città gestite dalla macchina democratica. Questo è il fatto,” Matt allentato, il presidente dell'Unione conservatrice americana e un organizzatore del CPAC, ha detto in una tavola rotonda poche ore prima che Trump parlasse domenica. (Non è un dato di fatto.)
    L'amministratore delegato di Goya Foods, Robert Unanue, aveva affermato all'inizio della giornata che Trump lo è “il vero, il legittimo, e l'attuale presidente degli Stati Uniti.” (Biden è il presidente; Trump non lo è.)
    Hawley, il repubblicano del Missouri che si è opposto alla certificazione dei voti dei college elettorali degli stati chiave, tentando efficacemente di privare del diritto di voto quegli stati’ elettori e ribaltare i risultati del 2020 elezione, si vantava dei suoi sforzi, affermando di essersi difeso “integrità elettorale.” (Le sue azioni avrebbero privato decine di milioni di elettori in caso di successo.)

    Cruz fa luce sul viaggio di Cancun

    Giorni dopo che Cruz è stato scoperto mentre fuggiva a Cancun per sfuggire a una tempesta di neve e alle interruzioni di corrente e acqua che aveva causato nel suo stato d'origine, il senatore del Texas lo stava trasformando in uno scherzo.
    “Devo dire, Orlando è fantastico. Non è bello come Cancun — ma è carino,” ha detto mentre dava il via al suo discorso di venerdì al CPAC.
    Il commento ha sottolineato quanto velocemente Cruz abbia trasformato quello che sembrava essere un episodio imbarazzante e dannoso in una battuta finale. — un colpo alla stampa politica. E se le risate e gli applausi della folla fossero un'indicazione, sarà fuggito politicamente indenne da Cancún con la base conservatrice.

    Noem e DeSantis si distinguono

    Una stella del CPAC di quest'anno potrebbe essere stata Noem, chi è stato tra gli unici oratori ad articolare una visione del conservatorismo che — pur essendo coerente con Trump — ha cercato di definire in modo più ampio i principi del partito.
    “Dobbiamo articolare più da vicino al popolo americano che siamo gli unici a rispettarlo come esseri umani,” Noem ha detto. “Che siamo gli unici a credere che il popolo americano abbia i diritti dati da Dio. Non siamo qui per dirti come vivere la tua vita, come trattarti come un bambino o un criminale perché vai in chiesa o ti difendi.”
    Si è vantata delle deboli restrizioni del suo stato sul coronavirus, e ha fatto eco alle lamentele di Trump sui tentativi di rimuovere i padri fondatori dalla pubblica piazza, caratterizzare tali mosse come sforzi per utilizzare quei fondatori’ difetti — come la proprietà degli schiavi — “condannare i loro ideali e la più grande Costituzione che il mondo abbia mai visto.”
    Nome, Hawley e Cruz erano tra i 2024 prospettive che hanno ottenuto l'accoglienza più forte. Un'altra figura popolare a Orlando: DeSantis, che ha dato il via venerdì mattina con un messaggio che anticipava cosa sarebbe successo nei giorni successivi: Una conferenza si è concentrata meno sulle differenze politiche che sulla volontà di combattere contro la sinistra.
    “Adesso, chiunque può sputare retorica conservatrice. Possiamo sederci e tenere dibattiti accademici sulla politica conservatrice,” Ha detto DeSantis. “Ma la domanda è, quando le luci Klieg si surriscaldano, quando la sinistra viene dopo di te: Rimarrai forte o lascerai?”

    Poca menzione di Biden

    La nuovissima amministrazione Biden è stata quasi un ripensamento alla conferenza. La denuncia più energica del presidente è stata una valutazione tipicamente esagerata del suo immediato predecessore.
    “Joe Biden ha avuto il primo mese più disastroso di qualsiasi presidente nella storia moderna,” Trump ha detto. “Già l'amministrazione Biden ha dimostrato di essere anti-lavoro, anti-famiglia, anti-frontiere, anti-energia, contro le donne e contro la scienza. In un solo breve mese, siamo andati dall'America prima all'America per ultima.”
    Gli attacchi di Trump a Biden sono stati un'altra norma infranta dall'ex presidente, chi non segue i precedenti ex presidenti’ pratica di restare in silenzio nelle prime fasi del mandato del nuovo amministratore delegato. Trump è stato anche unico in quanto è stato l'unico grande oratore a offrire critiche molto approfondite a Biden.
    Nella misura in cui l'attuale Presidente è stato menzionato dagli altri oratori dell'evento, era per criticare Biden come debole, inefficace, e sotto il controllo dell'ala sinistra del Partito Democratico. Cruz, per esempio, menzionato “Joe Biden e i radicali nella sua amministrazione.”
      Mentre Pompeo inseguiva le mosse di politica estera dell'amministrazione Biden, diversi oratori si sono concentrati su terreni familiari-guerra.
      “Joe Biden e i suoi alleati al Congresso promettono di decimare completamente il Secondo Emendamento e distruggere la promessa di libertà e libertà che è l'America,” disse Wayne LaPierre, il CEO di finanziariamente in difficoltà National Rifle Association, di domenica.

      Categoria:

      i898

      Tag:

      , ,

      I commenti sono chiusi.