Al Qaeda perde uno dei suoi leader più esperti in un misterioso omicidio a Teheran

Nella notte di agosto 7, residenti di un quartiere borghese nel nord Teheran sentito sparare. Alcuni di loro si precipitarono fuori per vedere cosa fosse successo.

Accasciati su una Renault bianca c'erano un uomo di mezza età e una donna più giovane. Entrambi erano morti. Almeno quattro colpi erano stati sparati contro di loro; un altro aveva urtato un'auto di passaggio. I due aggressori erano in moto, secondo le agenzie di stampa iraniane.
Un testimone ha detto a un giornalista locale: “Ci è stato detto che c'era una sparatoria. Siamo andati sul posto e abbiamo visto che sono stati uccisi. C'erano due di loro.”
In poche ore agenzie di stampa semi-ufficiali iraniane hanno riportato gli omicidi di un accademico libanese di nome Habib Dawood con legami con il gruppo libanese Hezbollah. — e sua figlia, Maryam. Non c'era alcuna spiegazione delle uccisioni, e nessun arresto segnalato.
    Ma almeno un'agenzia di stampa iraniana, FARS, in seguito ha eliminato le identità delle vittime dalla sua denuncia.
    E lì la storia si è fermata, fino a una raffica di attività su oscuri account di social media a metà ottobre, sostenendo che le vittime non erano libanesi, ma piuttosto una delle figure più importanti di al Qaeda — Abu Mohammed al-Masri — e sua figlia, Miriam, la vedova del figlio di Osama bin Laden, Hamza.
    I rapporti originali sul misterioso Dawood sembravano sospetti perché non c'era traccia di un accademico libanese di nome Habib Dawood, né chiunque abbia un'ortografia simile. Né c'era alcun elogio in Libano — per lui o per sua figlia. E non c'era niente nei media pro-Hezbollah in Libano per verificare l'identità delle vittime.
    A metà ottobre, un account Twitter chiamato “AnbaJassim” — presumibilmente appartenente a un giornalista freelance negli Emirati Arabi Uniti ha pubblicato un messaggio in cui si suggerisce che fossero stati uccisi al-Masri e sua figlia.
    Abu Mohammed al-Masri e sua figlia, Miriam, la vedova di Osama bin Laden's figlio Hamza, sono stati uccisi a Teheran quest'anno.

    AnbaJassim ha detto di aver chiesto ai veterani jihadisti delle guerre afghane, e “la loro risposta mi ha confermato che gli uccisi sono Abu Muhammad al-Masri” e sua figlia di 27 anni.
    Due settimane dopo un'agenzia chiamata Shamshad News, che si descrive come un canale di notizie radiofoniche e televisive con sede in Afghanistan, ha anche affermato che al-Masri era stato ucciso a Teheran. Ma le autorità iraniane sono rimaste in silenzio.
    Di venerdì, ha detto alla CNN un alto funzionario dell'antiterrorismo “che Abu Muhammad al-Masri è probabilmente morto.”
    Il New York Times ha riferito per la prima volta l'uccisione di al-Masri e di sua figlia, citando funzionari anonimi che hanno detto che Israele ha effettuato l'attacco.
    L'ufficio del primo ministro israeliano ha rifiutato di commentare il rapporto. Il portavoce del ministero degli Esteri iraniano Saeed Khatibzadeh ha detto in una dichiarazione che Washington e Tel Aviv “diffondere bugie” per “dipingere l'Iran come associato a questi gruppi terroristici.”
    Il “i media non devono essere un tribuno per diffondere e trasmettere le bugie inventate intenzionalmente pronunciate dalla Casa Bianca contro l'Iran,” Khatibzadeh ha aggiunto.

    Un originale di al Qaeda

    La morte di Al-Masri, il cui vero nome era Abdullah Ahmed Abdullah, priva al Qaeda di uno dei suoi migliori pianificatori e degli agenti più esperti. Un egiziano di 57 anni, era ampiamente ritenuto essere stato il cervello dietro gli attacchi alle ambasciate statunitensi a Nairobi e Dar es Salaam ad agosto 7, 1998 — 22 anni al giorno prima della sparatoria a Teheran.
    Al-Masri era un “carta” membro di al Qaeda, secondo i documenti recuperati in Afghanistan dagli investigatori statunitensi in 2001.
    Si ritiene che Al-Masri fosse il cervello dietro il 1998 attacco all'ambasciata americana a Nairobi.

    Insieme ad altri nella gerarchia di al Qaeda, al-Masri si era trasferito a Teheran dopo il 9/11 attacchi e lo sgombero di al Qaeda dall'Afghanistan e ha trascorso molti anni in prigione o agli arresti domiciliari. Dentro o intorno 2005, sua figlia Mariam ha sposato Hamza bin Laden (erano entrambi adolescenti all'epoca) nel complesso di Teheran dove era detenuto il contingente di al Qaeda. Il filmato dell'evento è stato successivamente recuperato nel complesso di Abbottabad dove Osama bin Laden fu ucciso sei anni dopo dalle forze statunitensi e rilasciato dalla CIA in 2017.
    Secondo Ali Soufan, un ex investigatore dell'FBI su al Qaeda e un esperto del gruppo, al-Masri ha respinto la proposta iraniana di tornare in Egitto. E in 2015 è stato rilasciato dalla custodia come parte di un accordo fatto dall'Iran per conquistare la libertà di un diplomatico iraniano che era stato rapito da al Qaeda in Yemen.
    Gli Stati Uniti consideravano chiaramente al-Masri una minaccia seria e continua, raddoppiando la taglia per informazioni su di lui e su un altro leader di al Qaeda — Saif al-`Adl — a partire dal $ 5 milioni a $ 10 milioni in 2018.
    Alcuni analisti vedevano al-Masri come un possibile successore del leader di al Qaeda Ayman al-Zawahiri. Lo ha riferito la CNN lo scorso anno che al-Zawahiri era in cattive condizioni di salute.
    Soufan ha scritto l'anno scorso sulla rivista Sentinel del Combating Terrorism Center: “Per tutta la sua esistenza, ogni volta che al-Qa'ida si è evoluta, Abu Muhammad al-Masri è stato in prima linea nel cambiamento. Con al-Zawahiri riferito di avere un disturbo cardiaco potenzialmente grave, il gruppo potrebbe essere sull'orlo del solo secondo trasferimento di leadership nella sua storia.”
      Ha detto alla CNN sabato, “Al Qaeda ha perso uno dei loro padri fondatori e il loro pianificatore operativo più esperto e capace.”
      Che è stato ucciso ad agosto 7, nell'anniversario del 1998 attacchi, era “giustizia poetica,” Ha detto Soufan.

      lascia un commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *

      *