Detenuto federale giustiziato per omicidio di un adolescente texano a 1994

Un detenuto federale è stato giustiziato per rapimento, stuprare e seppellire vivo un adolescente del Texas 1994.

Orlando Hall è stato giustiziato giovedì sera a Terre Haute, Indiana, dopo che la Corte Suprema ha negato la richiesta di interrompere l'esecuzione. sala, 49, è l'ottavo detenuto a essere giustiziato dal governo federale quest'anno dopo una pausa di 17 anni dalle esecuzioni.
È stato condannato a morte per 1994 rapimento, stupro, e l'omicidio della sedicenne Lisa Rene — uno studente albo d'onore con il sogno di diventare un medico. La Corte Suprema degli Stati Uniti si è schierata con il Dipartimento di Giustizia sull'esecuzione di Hall.
Hall e diversi complici gestirono un'operazione di traffico di marijuana in Arkansas nel 1994, secondo una dichiarazione del Dipartimento di Giustizia. Dopo una transazione di droga fallita che coinvolge $ 4,700, sono andati in Texas a casa dell'uomo che credevano avesse rubato i loro soldi.
    La sorella sedicenne dell'uomo, Lisa Rene, era a casa e si rifiutava di farli entrare, diceva la dichiarazione. Sebbene non avesse alcun collegamento con la transazione della droga, gli uomini hanno fatto irruzione nell'appartamento, l'ha rapita sotto la minaccia delle armi ed è fuggita in macchina in un motel dell'Arkansas.
    Rene è stata ripetutamente violentata in macchina e al motel. Quando Hall si rese conto che sapeva troppo, diceva la dichiarazione, lui ei suoi complici l'hanno portata in un parco dove avevano scavato una fossa. L'hanno picchiata con una pala, poi l'ha seppellita viva, secondo la dichiarazione.
      Nel 1995, una giuria federale ha ritenuto Hall colpevole di aver rapito e ucciso Rene e ha raccomandato all'unanimità una condanna a morte, secondo la dichiarazione del Dipartimento di Giustizia. E tutti i suoi successivi appelli furono respinti.
      Secondo gli avvocati di Hall, non ha mai negato la sua partecipazione all'omicidio di René e ha mostrato rimorso dopo aver ricevuto la condanna a morte. Gli avvocati affermano che Hall non ha ricevuto un processo equo a causa di un pubblico ministero di parte razzista che ha proibito ai giurati neri di prestare servizio e ha avuto un'assistenza inadeguata del legale.

      lascia un commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *

      *