I vicini di Mar-a-Lago vogliono che Trump vada altrove dopo aver lasciato la Casa Bianca

La first lady Melania Trump ha in programma di scendere a Palm Beach tramite un jet governativo venerdì per una passeggiata attraverso i lavori di ristrutturazione in corso negli alloggi privati ​​della famiglia Trump a Mar-a-Lago, secondo una fonte familiare con il programma della first lady, per assicurarsi che sia di suo gradimento prima che lei e il presidente Donald Trump si trasferiscano nel club privato dopo gennaio 20, quando il presidente eletto Joe Biden si trasferisce alla Casa Bianca.

Ma oltre la nuova vernice, tessuti e finiture e ampliamento generale dei circa 3,000 quartieri privati ​​di piede quadrato, si profila un problema molto più grande con la permanenza del trasferimento: se è legale o meno. Quando ha trasformato la residenza privata in un club, Trump aveva concordato con la città di limitare i suoi soggiorni lì, e ora alcuni residenti di Palm Beach dicono che potrebbe violare quell'accordo.
Trump ha acquistato l'ex tenuta di Marjorie Merriweather Post nel 1985, e successivamente lo ha trasformato in membri’ solo club in 1993. Il piano era — come con la maggior parte degli accordi con Trump — per realizzare un profitto. Eppure per trasformare la residenza privata in un'attività redditizia, Trump ha dovuto accettare alcune limitazioni, sulla base delle linee guida presentate come dealbreaker dalla città di Palm Beach. Per esempio, non potrebbe esserci più di 500 membri, c'erano regole in materia di parcheggio e traffico, e membri del club — Trump incluso — non poteva trascorrere più di sette giorni consecutivi a Mar-a-Lago, per non più di tre settimane complessive all'anno. Al tempo, a seguito di diverse apparizioni alle riunioni del consiglio comunale di Trump e dei suoi avvocati per perorare il suo caso per l'approvazione sull'evoluzione della proprietà, Trump ha acconsentito a rispettare la regola dei 21 giorni.
tuttavia, ha superato quel numero rimanendo a Mar-a-Lago molto più spesso mentre era presidente, e spera di rendere il club la sua sede permanente dopo che avrà lasciato l'incarico — qualcosa che i residenti nelle vicinanze dell'elegante Palm Beach non sono interessati a sostenere in modo amichevole.
    L'avvocato di West Palm Beach, Reginald Stambaugh, ha scritto martedì ai funzionari di Palm Beach dicendo che Trump ha già violato l'accordo per i soggiorni dei visitatori a Mar-a-Lago, prendendo atto dei piani del presidente di trasferirsi al club a gennaio. La lettera è stata segnalata per la prima volta dal Washington Post.
    Stambaugh ha detto di rappresentare un cliente che potrebbe essere stato esposto a una cosiddetta recinzione a microonde utilizzata per proteggere la proprietà, e che ha ancora problemi di sicurezza con la recinzione e con come l'uso di Mar-a-Lago da parte di Trump potrebbe svalutare le proprietà vicine.
    “È responsabilità del Consiglio comunale correggere questi torti e ripristinare la sicurezza e la protezione del quartiere rispettando il suo Contratto di utilizzo,” Stambaugh ha scritto. “Al fine di evitare una situazione imbarazzante per tutti e di dare al Presidente il tempo di organizzare altre soluzioni di soggiorno nella zona, confidiamo che lavorerai con il suo team per ricordare loro i parametri del contratto di utilizzo.”
    “Palm Beach ha molte tenute incantevoli in vendita e sicuramente può trovarne una che soddisfi le sue esigenze,” la lettera continua.
    Secondo Brian Seymour, un esperto di uso del suolo e un avvocato della contea di Palm Beach, le indennità che la città ha concesso a Trump durante la sua presidenza potrebbero finire una volta tornato a essere un privato cittadino.
    Se il club non si attiene, la città può tentare di far rispettare i suoi regolamenti e accordi presi, ad esempio citando in giudizio o multando Mar-a-Lago per far rispettare i limiti di residenza, Disse Seymour.
    Ma alla fine, spetterebbe a Trump conformarsi. “Potrebbe diventare molto complicato se la città lo imponesse davvero,” Disse Seymour.
    Quando è stata chiesta la risposta della città alla denuncia mercoledì mattina, I funzionari di Palm Beach non hanno risposto immediatamente. La CNN ha anche contattato la Casa Bianca per un commento e non ha ricevuto immediatamente una risposta.
    “Non esiste alcun documento o accordo in vigore che proibisca al presidente Trump di utilizzare Mar-A-Lago come sua residenza,” ha detto in una nota una portavoce dell'Organizzazione Trump. La CNN ha anche chiesto all'ufficio della first lady.

    Vicini frustrati

    I vicini di Palm Beach hanno chiarito di essere frustrati dalle tattiche di Trump.
    “È un circo lì da quattro anni e loro ne sono stufi,” un proprietario di una casa di Palm Beach a conoscenza dei vicini’ il pensiero ha detto alla CNN.
    Un altro vicino con la consapevolezza degli sforzi per aumentare la legalità della residenza permanente ha affermato che le denunce per l'interruzione della vita normale quando Trump soggiorna a Mar-a-Lago sono state presentate al consiglio comunale e al sindaco in modo coerente da anni., compresi i problemi sulla sicurezza potenziata, violazioni del traffico e del rumore. tuttavia, le richieste di assistenza del governo locale sono state ignorate, disse il vicino, perché Trump era presidente. In breve tempo, non sarà più così, e il vicino ha detto che questo è in parte il motivo per cui c'è un rinnovato sforzo per evidenziare l'accordo che è stato sigillato quando a Trump è stato permesso di creare il suo club. “È stato un incubo,” disse il vicino.
    Il vicino ha aggiunto il mash-up dei vecchi residenti di Palm Beach e il personaggio flash-and-cash di Donald Trump è sempre stato “come l'olio e l'acqua — semplicemente non si mescola.” Negli ultimi 30 anni, Trump ha spinto la città sull'orlo della frustrazione con diversi scontri legali, comprese le violazioni dei regolamenti di altezza per un pennone gigante che aveva installato sul terreno di Mar-a-Lago, che era alto 80 piedi e sventolava una bandiera americana di 375 piedi quadrati.
    Dopo aver intentato una causa contro la città, che riscuoteva una multa giornaliera per ogni giorno che rimaneva l'asta della bandiera, Trump alla fine ha accettato un accordo (e per abbassarlo, leggermente). Col tempo, Trump si è lamentato con la città delle rotte del traffico aereo, regole di espansione, divieti dei membri e altri reclami, e la città si è lamentata — una volta anche durante un servizio fotografico negli anni '90 per una campagna pubblicitaria di Versace con Madonna che è stata scattata nei terreni di Mar-a-Lago, citando le restrizioni di zonizzazione che non consentivano la fotografia commerciale in una residenza privata, quale era in quel momento. Le richieste più recenti di Trump per un eliporto hanno anche consumato diversi mesi di litigiosi avanti e indietro prima che la Commissione per la conservazione dei punti di riferimento della città alla fine ne consentisse l'installazione 2017. (L'eliporto non ci sarà più quando finirà la presidenza Trump.)
    Per molti degli abitanti super ricchi di Palm Beach, aiutare a sbarazzarsi di Trump, e utilizzando un documento che lui stesso ha accettato di farlo, sarebbe stata la ciliegina sulla torta di anni di mal di testa indotti dai magnati. “È quello che dice la legge,” dice Larry Leamer, chi ha scritto “Mar-a-Lago: Dentro le porte del potere al palazzo presidenziale di Donald Trump,” e che possiede una casa a Palm Beach. “È un accordo. Adesso, se la città va avanti nel farla rispettare, resta da vedere.”
    Trump ha una manciata di alleati a Palm Beach, per lo più membri del suo club, alcuni dei quali sono politicamente e finanziariamente influenti. Anche il personale post-presidenziale e l'impronta sulla sicurezza sono inferiori, che potrebbe aiutare ad alleviare alcune delle interruzioni degli ultimi quattro anni, e indurre gli altri vicini a trascurare le specificità dell'accordo, ma Leamer ha detto, “Sembra improbabile.”
    Leamer ha notato che Trump si è anche incastrato in un angolo di un altro animale domestico irritato a Palm Beach: ha legalmente rivendicato la Florida come sua residenza e ha persino elencato Mar-a-Lago come indirizzo per votare quest'anno, il che significa che deve dimostrare di essere lì per sei mesi all'anno. “Non c'è nulla di vero che i residenti locali di Palm Beach odino più della gente di New York che scende e afferma di vivere qui per ottenere le agevolazioni fiscali,” disse Leamer. Se Trump rimane a Palm Beach più che in una qualsiasi delle sue altre residenze all'anno, come richiesto dalla legge, è nell'aria, ma Leamer ha notato, “guarderanno,” riferendosi ai vicini scontenti.
    briscola, che da diversi anni ha sfidato il rispetto di norme e costumi, e sua moglie sembrano mostrare poca preoccupazione per l'accordo firmato 1993. Secondo una fonte familiare con l'apparato di sicurezza già istituito per ospitare il nuovo luogo di residenza di un ex presidente, il Servizio Segreto degli Stati Uniti negli ultimi mesi ha organizzato e ideato un piano per proteggere la post-presidenza di Trump a Mar-a-Lago.
      Durante il suo viaggio in Florida, la first lady prevede anche di controllare la suite delle stanze occupate dai suoi genitori, che sta anche ricevendo un lifting. Oltre a incaricare il suo arredatore di interni personale dell'aggiornamento, ha curato anche gli aggiornamenti ai trimestri’ bagni.
      Nel tentativo di utilizzare più spazio, Trump ha anche autorizzato l'acquisizione di quello che era uno dei servizi segreti “stanze in basso,” un luogo adiacente agli alloggi del presidente dove gli agenti possono riposare, guardare la televisione, usare un computer, o recuperare il ritardo sulla corrispondenza tra i turni. Secondo una fonte familiare con l'espansione, la metratura aggiuntiva è stata richiesta dai Trump, il che significa che i servizi segreti dovranno trovare un'altra tregua.

      I commenti sono chiusi.