La Scozia diventa il primo paese a rendere disponibili gratuitamente tamponi e assorbenti

Londra La Scozia è diventata il primo paese a consentire l'accesso gratuito e universale ai prodotti mestruali, compresi tamponi e assorbenti, nelle strutture pubbliche, una vittoria storica per il movimento globale contro la povertà mestruale.

Martedì il parlamento scozzese ha votato all'unanimità a favore del disegno di legge sui prodotti periodici, mesi dopo che i legislatori avevano inizialmente segnalato il loro sostegno.
Significa che i prodotti d'epoca saranno disponibili per l'accesso negli edifici pubblici, comprese le scuole e le università in tutta la Scozia. Secondo le nuove regole, spetterà alle autorità locali e agli istituti di istruzione garantire che i prodotti siano disponibili gratuitamente.
“La campagna è stata sostenuta da un'ampia coalizione, compresi i sindacati, organizzazioni femminili e enti di beneficenza,” Monica Lennon, il legislatore che ha presentato il disegno di legge lo scorso anno, ha detto prima della votazione. “La Scozia non sarà l'ultimo paese a fare della storia della povertà mestruale.”
Dopo il voto, Lennon ha detto che la decisione è stata “un segnale al mondo che è possibile ottenere il libero accesso universale ai prodotti d'epoca.”
    Il memorandum finanziario che accompagna il disegno di legge stima che potrebbe costare circa 8,7 milioni di sterline all'anno 2022, a seconda del numero di donne che usufruiranno dei prodotti gratuiti. In un documento a supporto della legislazione, Lennon ha detto che era ragionevole aspettarselo 20% l'adozione del programma dato che le statistiche ufficiali sulla disuguaglianza lo dimostrano quasi 20% delle donne scozzesi vive in relativa povertà.
    La nuova legge è stata elogiata da una serie di gruppi per l'uguaglianza e i diritti delle donne, nonché da politici di tutti i partiti rappresentati nel Parlamento scozzese.
    “Orgoglioso di votare per questa legislazione rivoluzionaria, rendendo la Scozia il primo paese al mondo a fornire prodotti periodici gratuiti per tutti coloro che ne hanno bisogno. Una politica importante per donne e ragazze,” Lo ha detto il primo ministro scozzese Nicola Sturgeon sulla sua pagina Twitter ufficiale dopo il voto.
    Uno in 10 le ragazze del Regno Unito non possono permettersi prodotti per il ciclo, secondo a 2017 sondaggio da Plan International UK. Il sondaggio ha anche rilevato che quasi la metà di tutte le ragazze ha un'età 14 per 21 sono imbarazzati dai loro periodi, mentre circa la metà aveva perso un'intera giornata di scuola a causa loro.
    La mossa della Scozia segue una serie di recenti tentativi di affrontare la povertà mestruale nel paese.
      Nel 2018, il governo lo ha annunciato studenti nelle scuole, i college e le università di tutti i paesi potrebbero accedere gratuitamente ai prodotti sanitari, attraverso un investimento di 5,2 milioni di sterline. Nel 2019, ha stanziato altri 4 milioni di sterline per rendere disponibili gratuitamente i prodotti d'epoca in biblioteche e centri ricreativi.

      lascia un commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *

      *