Queste due foto mostrano a chi giova la nuova legge elettorale della Georgia -- e fa male

Se stai cercando di capire l'impatto del nuova legge della Georgia limitare i diritti di voto, due fotografie ti diranno tutto ciò che devi sapere.

La prima foto mostra Georgia Gov. Brian Kemp firma la legge radicale, quale molti sostengono che il voto sarà più difficile per le persone di colore. È seduto a un tavolo in una stanza signorile, affiancato da sei uomini bianchi in giacca e cravatta e davanti un ritratto di quello che sembra essere un dipinto di un anteguerra, casa in stile piantagione.
Georgia Gov. Brian Kemp firma S.B. 202 di giovedì, marzo 25.

La seconda foto mostra due robusti poliziotti bianchi che arrestano una donna nera dall'aria angosciata — Georgia State Rep. Park Cannon — dopo che lei ha bussato ripetutamente alla porta dell'ufficio di Kemp mentre lui annunciava la firma del disegno di legge.

    Il contrasto simbolico tra le due immagini, entrambe prese a pochi minuti l'una dall'altra giovedì sera al Georgia Capitol, è difficile da perdere.
      Nella foto, Kemp e i legislatori repubblicani che lo circondano indossano maschere facciali a causa della pandemia Covid-19. I repubblicani hanno affrettato il disegno di legge in entrambe le camere del legislatore nel giro di poche ore, permettendo a Kemp di firmarlo in legge quella notte.
        Ma l'ottica e il tempismo della firma — col favore delle tenebre, con uomini bianchi che indossano maschere — sarà solo alimentare il sospetto tra i difensori dei diritti di voto e i neri americani che ciò che i repubblicani della Georgia hanno fatto giovedì non è stato legislativo.
        Era il 21equivalente politico del secolo delle tattiche di Jim Crow del braccio forte per impedire ai cittadini neri di votare.
          È stato detto che una singola immagine può potenziare un movimento e cambiare l'opinione pubblica.
          UN foto delle forze dell'ordine bianche sventolando con i manganelli contro i manifestanti neri al ponte Edmund Pettus a Selma, Alabama, ha contribuito a innescare l'approvazione del Voting Rights Act.
          UN foto di una giovane donna addolorata chinandosi sul corpo prono di uno studente universitario ucciso dai soldati della Guardia Nazionale nello stato del Kent, ha mobilitato il sentimento contro la guerra del Vietnam.
          E un video di un uomo nero morente ansimando mentre un ufficio di polizia bianco si inginocchiava sul suo collo l'anno scorso ha acceso uno dei più grandi movimenti per la giustizia razziale nella storia della nazione.
          Nessuno è morto giovedì sera quando Cannon fu portato in prigione con l'accusa di interrompere la riunione. Cannon ha ammesso di aver continuato a bussare alla porta di Kemp dopo che le truppe di stato le hanno detto di fermarsi. Ha detto di averlo fatto per combattere la repressione degli elettori.
          Kemp e i suoi colleghi repubblicani che hanno posato per il ritratto della firma ieri sera hanno detto che la nuova legge è necessaria per aumentare la fiducia in “sicuro, accessibile, ed equo” elezioni.
            Ma potrebbero presto scoprire che la foto li perseguiterà per gli anni a venire.
            La giustapposizione tra quell'immagine e quella dell'arresto di Cannon mostra — forse meglio di un migliaio di editoriali circa “integrità degli elettori” — di cosa tratta la nuova legge della Georgia.

            I commenti sono chiusi.