Questo uomo italiano di 81 anni non ha potuto visitare la moglie in ospedale, così le fece una serenata dalla strada

Roma Se la musica è il cibo dell'amore, continua a giocare — soprattutto quando le restrizioni sul coronavirus ti lasciano poche altre opzioni.

Impedito di visitare la moglie malata in ospedale, 81-Stefano Bozzini, un anno, ha deciso di scendere in strada per farle una serenata con la sua fisarmonica.
Il momento toccante è stato catturato nel film e da allora è diventato virale.
Mentre Carla Sacchi, sua moglie di 47 anni, guardato da una finestra del secondo piano dell'ospedale di Castel San Giovanni, una città nella regione settentrionale dell'Emilia-Romagna, il vivace trovatore ha suonato un miscuglio di canzoni d'amore con la sua fisarmonica sotto.
    Ha aperto con “Occhi spagnoli” di Engelbert Humperdinck, prima di riprodurre una selezione dei preferiti di sua moglie.
    Indossare un maglione rosso, pantaloni blu scuro, un cappello piumato e una maschera, Bozzini ha giocato con entusiasmo, mentre sua moglie e altri due — tutto in rivestimenti per il viso — guardato dall'alto.
    Bozzini può essere visto battere il piede mentre gioca, poi saluta la moglie alla fine dello spettacolo.
    Si sente un uomo che parla italiano in sottofondo, detto “Bravo” e “che bello, quest'uomo sta facendo una serenata a sua moglie che è in ospedale.”
    L'ospedale non tratta pazienti con Covid-19, ma i visitatori non sono autorizzati a entrare nell'edificio a causa delle restrizioni imposte in risposta alla pandemia.
    Secondo l'agenzia di stampa italiana ANSA, Bozzini è un membro in pensione della fanteria alpina da montagna dell'esercito italiano, e il cappello fa parte dell'uniforme.
      La sua unità lo ha soprannominato “Gianni Morandi of the Alpines” come suonava sempre la fisarmonica, Lo riferisce l'ANSA, e la coppia si è sposata in 1973.
      La storia edificante è diventata virale sui social media, con la figlia di Bozzini che scriveva Facebook: “Quello è mio papà….il solo e unico.”

      lascia un commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *

      *