I migliori repubblicani del Congresso non hanno ancora riconosciuto la vittoria di Biden

Il presidente eletto Joe Biden ha esortato il paese “per abbassare la temperatura” nel il suo discorso di vittoria sabato sera, ma i leader repubblicani con cui dovrà lavorare al Congresso hanno esortato il presidente Donald Trump a non concedere o sono rimasti in silenzio nonostante nessuna prova diffusa di frode nelle elezioni.

Il leader della maggioranza al Senato Mitch McConnell, chi è probabile per limitare la portata dell'agenda di Biden, non ha commentato da venerdì, il giorno prima la gara è stata chiamata, quando ha chiamato “ogni legale” voto per essere conteggiato, mentre il leader repubblicano della Camera Kevin McCarthy ha fatto eco alle affermazioni di Trump secondo cui le elezioni non sono ancora finite.
“Abbiamo avuto la corsa presidenziale più competitiva nella nostra storia moderna,” McCarthy ha detto domenica su Fox News. “Ecco perché ogni voto dovrebbe essere conteggiato, ogni riconteggio per andare avanti, e ogni sfida dovrebbe essere ascoltata.”
Il Partito Repubblicano è diviso su come gestire la vittoria di Biden, mentre Trump continua a contestare il risultato. Mentre un piccolo contingente di conservatori vuole ripristinare la fiducia nel processo democratico, I più accaniti sostenitori di Trump hanno adottato il mantra del presidente “combattere molto duramente” quando si sente personalmente maltrattato.
    “Questa è un'elezione contestata,” Lo ha detto domenica il presidente della magistratura del senato Lindsey Graham su Fox. “I media non decidono chi diventa presidente, se lo facessero, non avresti mai un presidente repubblicano per sempre.”
    “Non concedere, Sig. Presidente, combattere duramente,” aggiunse il repubblicano della Carolina del Sud.
    Suo. Roy Blunt del Missouri, un membro della leadership del GOP, ha detto su ABC “Questa settimana” domenica che “sembra improbabile che qualsiasi cambiamento possa essere abbastanza grande da fare la differenza, ma questa è un'elezione ravvicinata.”
    “Attendo con impazienza che il Presidente si occupi di questo, tuttavia deve occuparsene,” Ha aggiunto.
    Le risposte del partito all'indomani delle elezioni sembrano separare il suo passato dal suo futuro.
    L'ex presidente George W. cespuglio e Utah Sen. Mitt Romney, il partito repubblicano 2012 candidato alla presidenza e frequente critico di Trump, si è congratulato con Biden e Vice Presidente eletto Kamala Harris. Li ha chiamati Romney “persone di buona volontà e di carattere ammirevole” e ha detto che l'avrebbe fatto “pregate che Dio li benedica nei giorni e negli anni a venire.” Bush ha chiamato Biden a “buon uomo, che ha vinto la sua opportunità di guidare e unificare il nostro paese.”
    E Tennessee Sen. Lamar Alexander, un ex governatore e segretario dell'istruzione che va in pensione dopo una carriera di quattro decenni in cariche pubbliche, Sabato ha detto che i candidati alla presidenza dovrebbero adempiere al loro dovere democratico e accettare la volontà del popolo.
    “Dopo aver contato ogni voto valido e consentito ai tribunali di risolvere le controversie, è importante rispettare e accettare prontamente il risultato,” ha twittato Alexander. “Il trasferimento ordinato o la riaffermazione di un immenso potere dopo un'elezione presidenziale è il simbolo più duraturo della nostra democrazia.”
    Ma il successore repubblicano di Alessandro in arrivo al Senato, Bill Hagerty, L'ex ambasciatore di Trump in Giappone, ha detto di aver contribuito al fondo legale di Trump per proteggere il “integrità” dell'elezione, e ha ritwittato la dichiarazione di Trump che “questa elezione è tutt'altro che finita.”
    Biden ha trionfato in Wisconsin, Michigan e Pennsylvania — tre afferma che 2016 il candidato presidenziale Hillary Clinton ha perso — sulla strada per vincere la Casa Bianca, e attualmente guida Trump in Arizona e Georgia.
    Rivolgendosi alla nazione sabato prima di un parcheggio in Delaware pieno di sostenitori che suonano il clacson, Biden e Harris hanno invitato il paese a guarire dopo un'elezione controversa.
    “È ora di mettere da parte la dura retorica, per abbassare la temperatura, per rivederci, per ascoltarci di nuovo,” Biden ha detto.
    Ma solo poche ore prima, Trump ha nuovamente affermato falsamente che le elezioni gli sono state rubate, affermando senza fondamento che gli osservatori elettorali non erano presenti alle urne.
    “HO VINTO LE ELEZIONI, AVUTO 71,000,000 VOTI LEGALI,” ha twittato il presidente. “Accaddero cose brutte che i nostri osservatori non potevano vedere. MAI ACCADUTO PRIMA. MILIONI DI VOTATE MAIL-IN SONO STATE INVIATE A PERSONE CHE NON LI CHIEDONO MAI!”
    Mentre alcuni repubblicani di spicco stanno difendendo il presidente, almeno pubblicamente, alcuni di quelli a lui più vicini hanno adottato un approccio diverso in privato. Jared Kushner, Il genero e consigliere senior di Trump, ha si è avvicinato al Presidente chiedendo di concedere l'elezione, due fonti hanno detto alla CNN sabato. E la first lady Melania Trump ha avvisato il presidente che è giunto il momento per lui di accettare la perdita delle elezioni, una fonte separata che ha familiarità con le conversazioni ha detto domenica alla CNN.
    Il rifiuto del presidente di concedere sta oscurando quello che altrimenti sarebbe stato un risultato positivo per il GOP quest'anno. Repubblicani inaspettatamente ottenne seggi alla Camera e ha sconfitto i candidati democratici del Senato estremamente ben finanziati nel Maine, Iowa, Montana e altrove.
    “Al Senato, praticamente ogni candidato, anche quelli che si pensava selvaggiamente fossero sulla buona strada per vincere, sovraeseguito,” Billy Piper, un ex capo dello staff McConnell, ha detto alla CNN. “È una buona notte.”
      “In realtà sembra che nel mezzo di circostanze assolutamente orribili, L'America ha nuovamente condotto le elezioni di cui dovrebbe essere orgogliosa,” Ha aggiunto. “Il fatto che stiamo contando 150 milioni di voti veloci quanto noi, data l'unicità di come dovevano essere fusi, è piuttosto sorprendente.”
      Il rifiuto del presidente di accettare i risultati potrebbe anche complicare le speranze del GOP di mantenere il Senato. Democratici’ le possibilità di vincere la camera sono state ridotte a ribaltando entrambi i seggi del Senato della Georgia in due probabili elezioni di ballottaggio di gennaio in uno stato che non ha eletto un senatore democratico 20 anni.

      lascia un commento

      L'indirizzo email non verrà pubblicato. i campi richiesti sono contrassegnati *

      *