L'agenzia di spionaggio britannica sfida "uomini e donne saggi" a risolvere il puzzle delle cartoline di Natale

Londra Il La più grande spia del Regno Unito agenzia GCHQ ha inviato la sua cartolina di Natale annuale completa di un rompicapo.

Prova a risolvere il puzzle completando una serie di sequenze di lettere, quindi inserisci le tue risposte sulla speciale pallina di Natale.
“La risoluzione dei problemi è al centro di ciò che facciamo. Affrontare questo cracker natalizio offre agli enigmi una panoramica delle competenze necessarie per essere un analista GCHQ,” ha detto un portavoce del GCHQ in una dichiarazione pubblicata venerdì.
Controlla gli account Twitter e Instagram di GCHQ per la risposta al puzzle.

“Riunisci un mix di menti condividendolo con gli uomini e le donne saggi della tua famiglia per trovare la soluzione.”
    Le istruzioni sono le seguenti: “Completa le seguenti nove sequenze e traccia le tue risposte di una sola lettera nei nodi d'oro corrispondenti sulla pallina. Segui il flusso delle frecce da qualche parte gelida per sbloccare un messaggio.”
    Le sequenze sono: GFEDCB_; NOHHPQ_; MDCLXV_; POIUYT_; DPLLMS_; HHELIB_; NAMWON_; EOEREX_; e GMRDPR_.
    Se vuoi continuare a mettere alla prova le tue abilità, controlla il Account Twitter GCHQ, che pubblica i puzzle su base settimanale.
    La risposta al puzzle di Natale sarà anche pubblicata sull'account, così come su Instagram e il Sito web GCHQ.
    GCHQ è un'intelligenza, agenzia informatica e sicurezza, secondo il suo sito web. L'agenzia è forse meglio conosciuta per le sue operazioni durante la seconda guerra mondiale, quando si è trasferito a Bletchley Park nel Buckinghamshire.
    Là, decifratori di codice tra cui Alan Turing notoriamente decriptato messaggi tedeschi in codice inviati utilizzando la macchina di cifratura Enigma.
    Più recentemente GCHQ è stato criticato da Big Tech per aver realizzato un file “proposta fantasma” ciò consentirebbe loro di intercettare i messaggi crittografati.
      Alla fine di 2018, funzionari di alto rango hanno suggerito che i fornitori di servizi potrebbero farlo “silenziosamente aggiungere un partecipante delle forze dell'ordine” alle chat o alle chiamate di gruppo crittografate.
      Ma a maggio 2019 gruppi di difesa, esperti di sicurezza e giganti della tecnologia tra cui Apple, Google e WhatsApp hanno firmato una lettera aperta a GCHQ chiedendo il divieto alle sue spie di accedere ai messaggi digitali privati.

      I commenti sono chiusi.