Il dinosauro più piccolo del mondo è in realtà una lucertola preistorica "strana", dicono gli scienziati

Inizialmente si pensava che un minuscolo teschio sepolto in un'ambra di 99 milioni di anni, oggetto di dibattito scientifico lo scorso anno, appartenesse alla specie di dinosauro più piccola del mondo.

tuttavia, il marzo di alto profilo 2020 carta scientifica che ha svelato la scoperta di Oculudentavis khaungraae è stata ritirata nello stesso anno. Nuova ricerca pubblicata lunedì, basato su un altro, esemplare di ambra meglio conservato, suggerisce che il teschio provenisse da una lucertola preistorica.
“È un animale davvero strano. È diverso da qualsiasi altra lucertola che abbiamo oggi,” disse coautore del nuovo studio Juan Diego Daza, un erpetologo e assistente professore di scienze biologiche presso la Sam Houston State University in Texas, in un comunicato stampa.
    “Stimiamo che molte lucertole abbiano avuto origine in questo periodo, ma non avevano ancora evoluto il loro aspetto moderno,” Egli ha detto. “Ecco perché possono ingannarci. Possono avere caratteristiche di questo gruppo o di quello, ma in realtà, non combaciano perfettamente.”
      Gli autori del nuovo un articolo pubblicato sulla rivista Current Biology ha chiamato la creatura Oculudentavis naga in onore del popolo Naga dell'India e del Myanmar, dove è stata trovata l'ambra. Dissero che apparteneva alla stessa famiglia o genere di Oculudentavis khaungraae, ma probabilmente una specie diversa.
        Oculudentavis significa “occhio dente uccello” in latino, ma Daza ha detto che le regole tassonomiche per nominare e organizzare le specie animali significavano che dovevano continuare a usarlo anche se non era accurato.
        “Poiché Oculudentavis è il nome originariamente utilizzato per descrivere questo taxon, ha la priorità e dobbiamo mantenerla,” Daxa ha detto. “La tassonomia a volte può ingannare.”
          Il meglio conservato ambra, che è stato trovato nella stessa regione di estrazione dell'ambra in Myanmar del primo esemplare di Oculudentavis descritto, conteneva parte dello scheletro della lucertola, compreso il suo teschio, con squame visibili e tessuti molli. Entrambi i pezzi di ambra erano 99 milioni di anni.
          Drago Oculudentavis, superiore, appartiene alla stessa famiglia di Oculudentavis khaungraae, parte inferiore. Entrambi gli esemplari' teschi deformati durante la conservazione, enfatizzando le caratteristiche di lucertola in una e le caratteristiche di uccello nell'altra.

          Teschi distorti

          Gli autori hanno detto che creatura era difficile da classificare, ma usando le scansioni TC per separare, analizzare e confrontare ogni osso delle due specie, hanno rilevato caratteristiche che identificavano gli animali come lucertole.
          Questi inclusi la presenza di scale; denti attaccati direttamente alla mandibola piuttosto che annidati negli alveoli, come lo erano i denti di dinosauro; strutture oculari e ossa della spalla simili a lucertole; e un teschio a forma di mazza da hockey che è universalmente condiviso da altri rettili squamati.
          Nell'esemplare meglio conservato, la squadra ha notato una cresta rialzata che scendeva lungo la parte superiore del muso e un lembo di pelle flaccida sotto il mento che potrebbe essere stato gonfiato in mostra, caratteristiche condivise da altre lucertole.
          Gli autori ritengono che entrambe le specie’ i teschi si erano deformati come l'ambra, fatto da globi di resina dalla corteccia di un albero antico, indurito intorno a loro. Dissero che il muso di Oculudentavis khaungraae era schiacciato in una parte più stretta, forma più simile a un becco mentre la scatola cranica di Oculudentavis naga era compressa.
          Le distorsioni hanno ingrandito le caratteristiche di un uccello in un cranio e le caratteristiche di una lucertola nell'altro, ha detto il coautore Edward Stanley, direttore del Laboratorio di scoperta e disseminazione digitale del Florida Museum of Natural History.
          Drago Oculudentavis, raffigurato in questo artista'impressione di s, è una bizzarra lucertola che la ricerca inizialmente ha classificato come minuscola, dinosauro simile a un uccello.

          “Immagina di prendere una lucertola e pizzicargli il naso in una forma triangolare,” Stanley ha detto in a dichiarazione. “Sembrerebbe molto più simile a un uccello.” Gli uccelli sono gli unici parenti viventi dei dinosauri.

          Un campo minato etico

          Alcuni dei reperti più interessanti della paleontologia degli ultimi anni sono emersi dai ricchi giacimenti di ambra del Myanmar settentrionale northern. Gran parte dell'ambra trova la sua strada nei mercati del sud-ovest della Cina, dove viene acquistato da collezionisti e scienziati. tuttavia, sono emerse preoccupazioni etiche su chi trae vantaggio dalla vendita dell'ambra, soprattutto da quando 2017, quando i militari del Myanmar presero il controllo delle miniere di ambra. Le forze governative e le minoranze etniche combattono da anni in questa regione, e a Rapporto delle Nazioni Unite ha accusato i militari di tortura, rapimenti, stupro e violenza sessuale.
          Gli autori dello studio hanno affermato nel comunicato stampa che l'ambra è stata acquistata dal gemmologo Adolf Peretti prima 2017 da una società autorizzata che non ha legami con l'esercito del Myanmar, e il denaro della vendita non ha sostenuto il conflitto armato.
          Hanno detto che l'uso del campione ha seguito le linee guida stabilite dalla Society of Vertebrate Paleontology, che ha chiesto ai colleghi di astenersi dal lavorare sull'ambra proveniente dal Myanmar da giugno 2017.
          Iscriviti alla newsletter scientifica di Wonder Theory della CNN. Esplora l'universo con notizie su scoperte affascinanti, progressi scientifici e altro.
            “Come scienziati sentiamo che è nostro compito svelare queste inestimabili tracce di vita, così il mondo intero può saperne di più sul passato. Ma dobbiamo essere estremamente attenti che durante il processo, non beneficiamo un gruppo di persone che commettono crimini contro l'umanità,” Daza ha detto.
            “Alla fine, il merito dovrebbe andare ai minatori che rischiano la vita per recuperare questi incredibili fossili di ambra.”

            I commenti sono chiusi.